google-search-console-1200x500 Siti web

Configura Google search console e Google analytics sul tuo sito web

Sei alle prime armi con un sito web e desideri inserire Google Searche console e Google analytics? Niente di più semplice, segui passo passo quest’articolo e capirai meglio come configurare questi due strumenti utili e gratuiti offerti da Google.

Per prima cosa, in entrambi i casi, dovrai essere in possesso di un account Google e loggarti nelle rispettive pagine ufficiali di Google search console e Google analytics.

Google Search Console

Loggati, con il tuo account Google sulla pagina ufficiale di Google search console, ovvero: https://search.google.com/

Dopo aver completato la procedura guidata di registrazioni, entra nel tu pannello alla sez.: Impostazioni > verifica proprietà e “verifica la proprietà” scegliendo una delle opzioni disponibili (vedi immagie sottostante).

1-verifica-propriet-search-console-1024x482 Siti web
Verifica proprietà Google

Metodo 1: Verfiica con file html: in questo caso dovrai semplicemente scaricare il file fornito, denonimato ad es: google-12334454545.html, caricarlo con un Cliente FTP (es.: Filezilla) nella directory principale del tuo sito e verificando andando, traite il browser , sul tuo sito, digitando il seguente url: https://www.miosito.it/google-123443545454554.html (vedi foto)

filezilla Siti web
Carica il file google-123456.html nella directory principlae del tuo sito

In questa maniera, la tua proprietà sarà verirficata. Puoi utilizzare anche il metodo due (puoi utilizzare un o più dei metodi di verifica proposti):

Metodo 2: verifica con tag html: cliccando su quest’opzione, vedrai un codice di verifica simile a quello sottostante, da inserire fra </head> ed </head> del tuo sito.

<head> della pagina. Qui è riportato un esempio di posizionamento corretto.
<html>
<head>
<title>Il titolo della tua pagina</title>
<meta name="google-site-verification" content="la tua stringa di verifica">
</head>
<body>

Vedi immagine sottostante

2-tag-html-search-console-1-1024x460 Siti web

Dopo aver utilizzato uno dei metodi proposti, Google search console, inizierà a monitore il tuo sito web.

Per poter visualizzare ciò avviene all’intern odel tuo sito, dovrai aspettare che abbia un po’ di traffico pirma che Google inizi a monitorare. Dopo di chè potrai:

  • Visualizzare visite gironaliere e mensili ed impression sul tuo sito web
  • Monitorare parole chiave (query) con le quali gli utenti ti trovano
  • Monitorare errori e di visibilità su dispoitivi mobili, e tanto altro ancora.
  • Monitorare errori di scansione ed indicizzazione delle singole pagine web che compongono il tuo sito web…e tanto altro ancora.

Una cosa importante che non dovrai dimenticare è: inserire l’url della sitemap (sitemap.xml) andando, all’intenro della bacheca, in: sitemap (vedi foto) e dopo aver inserirto l’ulr della tua sitemap: es. sitemap.xml cliccando su: INVIA. Dopo dovrai aspettare che Google verifici la sitemap, a questo punto, ti apparirà la scritta: RIUSCITA. Questa, conterrà di volta in volta tutti gli url degli articoli e pagine presenti sul tuo sito web e saranno inviati automaticamente a Google per l‘indicizzazione

sitemap-1024x381 Siti web

Google Analytics

Anche la Google Analytics è uno strumento utilissimo che non puoi farti mancare.

A cosa serve la Google Analytcs?

  • Monitorare nel dettaglio visite sul sito web
  • Monitorare utenti nuovi e di ritorno
  • visite organiche ed a pagamento
  • Browser e dispositivo di provenienza
  • Nazione di provenienza
  • Visite Utenti in tempo reale e tanto altro.

Dopo esserti registrato e loggato da: https://analytics.google.com/, dovrai andare su: amministrazione (icona a rotella sulla barra laterale a sinistra del pannello di Google analytics)  poi su: propritetà e su: Informazioni sul Monitoraggio e poi su: Codice di Monitoraggio.  

Questo codice dovrà essere inserito fra <head> ed </head> del tuo sito web (veid foto)

monitoraggio-analitics Siti web

Se invece deciderai di inserire la Google analytics tramite apposito plugin, ad es. su WordPress, allora basterà inserire il codice dopo la “UA” es: “UA-1223344444” ed rendere l’IP anonimizzato per il GDPR tramite le funzioni del plugin stesso. 

Se invece desideri inserire il codice completo fra <head>  ed </head> del sito, allora dovrai modificare leggermente il codice fornito da Google analitycs.

Leggi articolo su come anonimizzare l’IP di analytics 

https:www//webmasterfreelance.it/privacy-gdpr-su-wordpress-plugin-e-consigli/

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo.

I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.

Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.